Strade di campagna che diventano discariche a cielo aperto. L’abbandono indiscriminato di rifiuti da parte di alcuni incivili, pregiudica inevitabilmente la qualità di vita dei cittadini che risiedono nei paraggi, soprattutto in presenza di materiale pericoloso come l’amianto.

La denuncia dell’ennesima discarica a cielo aperto, questa volta giunge da un lettore ostunese che abita tra le contrade San Giovanni e Tamburroni.

«Lungo la vecchia strada per Carovigno, in una delle zone di campagna più abitate di Ostuni durante l’estate e non solo – racconta il cittadino – ci sono diversi punti in cui si accumulano rifiuti, che aumentano col passare del tempo. Sono anni ormai che viviamo in queste condizioni, osservando il progressivo inquinamento della zona, in cui sono comparse anche delle lastre di eternit.

Nessuna lamentela per quanto riguarda la raccolta differenziata porta a porta, che qui funziona in maniera efficiente e regolare, ma è intollerabile convivere con l’inquietante presenza di rifiuti altamente tossici per così tanto tempo. L’ultima segnalazione al Comune di Ostuni, più volte sollecitato a risolvere il problema, l’abbiamo fatta circa un anno fa. Nel frattempo non solo non è cambiato nulla, ma i rifiuti sono aumentati».

Dalle immagini inviate, oltre all’amianto si rileva la presenza di elettrodomestici, materassi, scarti edili, pneumatici e tantissima plastica.

Chiunque volesse porre all’attenzione della Redazione di Ostuni News una questione di pubblico interesse, può farlo via WhatsApp al numero +39 329 262 47 47, oppure scrivendo a segnalazioni@ostuninews.it.Novità