Una nota a firma di Fabio Giorgino, segretario del Pd ostunese, rende nota la posizione della coalizione in vista delle amministrative

Il Partito Democratico ostunese, con una nota a firma del suo segretario Fabio Giorgino, rende nota la sua posizione in merito sulle amministrative in programma a maggio.

Il Pd della Città Bianca ha deciso di correre da solo, ponendosi come alternativa sia alla coalizione di centrodestra che al progetto civico dell’ex sindaco di Ostuni Domenico Tanzarella, presentato qualche giorno fa.

«Stiamo lavorando– recita la nota firmata dal segretario Giorgino- per offrire ai cittadini ostunesi una terza via lontana dalla litigiosità del centrodestra, le cui forze di maggioranza hanno di fatto sfiduciato il Sindaco per avviare una corsa al potere, senza aver avanzato alcun tipo di proposta politica e amministrativa e dalla variegata coalizione pseudo civica messa in piedi da Domenico Tanzarella, rispetto alla quale non solo non condividiamo la composizione ma non riusciamo a comprendere i caratteri della proposta politica.
Dal canto nostro– continua la nota del Pd- proporremo ai cittadini ostunesi un progetto politico completamente alternativo, ampio e plurale che veda insieme, in una coalizione identitaria ma ispirata ad un patto di solidarietà cittadina, la partecipazione delle forze politiche e civiche progressiste e moderate, oltre che un pieno coinvolgimento della società civile per il tramite di professionisti e associazioni che si ispirano ai valori cattolici, dell’ambientalismo, dello sport e della legalità.
Intendiamo porre le basi per una vera e propria primavera ostunese, una nuova stagione politica che sappia risvegliare le coscienze dei nostri concittadini, che dia incarico ad una rinnovata classe dirigente di svolgere primari ruoli di responsabilità nell’interesse del Paese. Abbiamo bisogno di nuovi protagonisti per realizzare nuovi obiettivi e vincere le sfide del nostro tempo».

«Già nelle prossime ore – continua la nota del Pd- formalizzeremo la nascita della coalizione con la sottoscrizione di un documento politico da proporre alle altre forze in campo. Non potremo che iniziare dal condividere questo progetto con il movimento Rigenerazione, costituito dai consiglieri Nicola Santoro e Giuseppe Tagliente, le cui considerazioni sul rinnovamento della classe politica locale, sulle esigenze amministrative e sui programmi da perseguire non possiamo che condividere. Ma lavoreremo altresì affinché la coalizione sia ampia e veda il pieno coinvolgimento delle forze politiche moderate e civiche».

Al momento, fa sapere il Partito Democratico, non è stato ancora individuato il nome del candidato che rappresenterà la coalizione.

«Come Partito Democratico– conclude la nota- non reputiamo prioritario indicare la figura del candidato sindaco, certi che la condivisione di un progetto di coalizione fondato su un patto di solidarietà cittadina tra le forze politiche ci consentirà di individuare, a breve, il miglior candidato possibile, che sappia interpretare al meglio il bisogno di rinnovamento che c’è in città e sappia intercettare l’entusiasmo di quanti, scontenti del centrodestra non vogliono che si rivivano stagioni politiche che, per volere degli stessi elettori, si sono concluse».