Sospesa l'attività di una discoteca sul litorale nord brindisino in cui sono stati scoperti 20 lavoratori impiegati in nero

In seguito a un controllo dei carabinieri è stata sospesa l’attività di una discoteca del litorale ostunese che aveva impiegato 20 giovani lavoratori totalmente ‘in nero’.

Il controllo nel locale- di cui i militari dell’Arma non hanno reso noto il nome- è stato effettuato dai carabinieri della stazione di Ostuni, congiuntamente ai militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Brindisi e del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Taranto, nell’ambito delle attività di contrasto del lavoro sommerso e della verifica della sicurezza e dell’igiene suoi luoghi di lavoro.

Diciannove dei venti dipendenti della struttura impiegati in nero sono originari della provincia di Brindisi.

Il titolare della struttura è stato multato per un importo pari ai 37.240 euro, con conseguente sospensione dell’attività sino alla regolarizzazione dei dipendenti.

Nel corso dell’ispezione è stata rilevata la mancata affissione della cartellonistica riportante i divieti di fumo e le tabelle relative ai tassi alcolemici e alla sicurezza stradale.

Ricevi tutte le ultime notizie

Prova il nuovo canale Telegram di Ostuni News