Il Comandante dell'Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri visita Ostuni e Francavilla Fontana

Il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Giovanni Nistri, nel pomeriggio di ieri, mercoledì 30 gennaio, ha visitato la Stazione dei Carabinieri territoriali e forestali di Ostuni e la Compagnia Carabinieri di Francavilla Fontana.

A Ostuni il Generale Nistri ha incontrato i Comandanti delle Stazioni Carabinieri territoriale, Luogotenente Federico Sabatelli, e forestale, Maresciallo Biagio Paolo Barra, nonché tutti i Carabinieri effettivi presso i due reparti. Mentre a Francavilla Fontana, nella sala rapporto della caserma, l’Alto Ufficiale ha incontrato i Comandanti delle sette Stazioni territoriali ricadenti sotto la giurisdizione della Compagnia (ovvero, oltre alla Capoluogo, quelle di San Donaci, San Pancrazio Salentino, Villa Castelli, Oria, Erchie e Torre Santa Susanna), nonché militari di ogni grado del Reparto, i componenti della locale Associazione Nazionale Carabinieri in congedo e una delegazione degli organismi di rappresentanza regionale (COBAR).

La visita presso la Stazione Carabinieri di Ostuni assume un significato particolare, considerato che tale reparto rappresenta la prima implementazione della politica di razionalizzazione dei presìdi dell’Arma, essendovi stata realizzata, il 15 maggio 2018, la coabitazione infrastrutturale dei due reparti, ovvero quello “Territoriale” e quello “Forestale”, preesistenti nella Città Bianca ma in sedi diverse. Il tutto, nell’ottica del contenimento delle spese pubbliche, in ossequio alle previsioni della legge 124/2015 (c.d. legge Madia). Il provvedimento rientra nell’ambito della più ampia manovra strategica del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, intesa a razionalizzare i presìdi dell’ex Corpo Forestale dello Stato che, nel prevedere l’assorbimento del Corpo Forestale dello Stato nell’Arma dei Carabinieri, postula anche il conseguimento di risparmi connessi, contemplando la razionalizzazione immobiliare e il conseguente risparmio sul pagamento delle “locazioni passive”.

Dopo la riorganizzazione di uffici e reparti a livello centrale, questo è stato il primo accorpamento sul territorio pugliese che ha unificato le sedi di una Stazione Territoriale e una Forestale dell’Arma. A Ostuni, il fabbricato che ospita in coabitazione i due Reparti dell’Arma – la cui costruzione è stata completata nel 1997 – è di proprietà demaniale e, pertanto, non comporta oneri di locazione passiva. Esso accoglie i Carabinieri dal 1998 ed è in ottimo stato d’uso. La Stazione Carabinieri Forestale è stata ubicata in un’ala del primo piano e ha tutti gli spazi necessari per espletare le specifiche attribuzioni istituzionali di competenza, grazie a interventi manutentivi minimali che hanno permesso di adeguare una porzione di quella che era l’area logistica della Stazione a nuova area operativa.

Nel corso dell’incontro con il personale, in entrambi i casi, il Generale Nistri ha tratteggiato la figura del Carabiniere, rimarcandone l’essenziale ruolo nell’ossatura del “Sistema Sicurezza” italiano ed evidenziandone l’imprescindibile cifra principale dell’onestà, che non può non contraddistinguere i militari dell’Arma, né essere macchiata dal comportamento scorretto di pochi, che devono essere isolati e perseguiti sempre con il massimo rigore. Inoltre, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri si è soffermato sul ruolo fondamentale dei Carabinieri, alfieri della legalità in ogni angolo del Paese, da tradurre in un’azione sempre più vicina e prossima alle popolazioni, per interpretarne bisogni e soddisfarne le esigenze.Novità