Venerdì 13 settembre Caterina Emili presenterà a Ostuni il suo romanzo "La scimmia e il caporale"

Verrà presentato a Ostuni il nuovo romanzo di Caterina Emili, “La scimmia e il caporale”, edito da E/O.

La presentazione, organizzata dal Presìdio del Libro, si terrà domani, venerdì 13 settembre, alle ore 18.30 presso l’Hotel Ostuni Palace.

Caterina Emili, giornalista, ha lavorato come inviata di vari quotidiani nazionali, oltre ad essere autrice e conduttrice di programmi radiofonici sulle reti Rai. Nata a Roma, si divide tra Umbria e la sua casa di Ceglie Messapica. Proprio nella città pugliese è ambientato il suo quarto romanzo, “La scimmia e il caporale”, che racconta la storia di Katerina, una giovane donna ucraina vittima del caporalato.

Protagonista del romanzo è Vittore Guerrieri, figura di spicco dei romanzi precedenti scritti da Caterina Emili, tra cui “Il volo dell’eremita” e “L’innocenza di Tommasina”.

Dopo aver affrontato nei suoi romanzi precedenti temi come la ludopatia e l’usura, stavolta la scrittrice si cimenta con il caporalato, un problema antico ma sempre attuale.

«E’ il quarto romanzo che scrivo– ha dichiarato Caterina Emili in un’intervista- ed è un romanzo di serie, nel senso che il protagonista è sempre lo stesso: vive a Ceglie anche se le sue inchieste, i suoi racconti si svolgono in tutta Italia. Scrivo dei libri io cui accadono fatti efferati, circondati da una popolazione e una quotidianità, che è tipicamente pugliese in questo caso. E in tale quotidianità non puoi non accorgerti della banalità del male, non puoi non sbattere la testa contro il caporalato, perché io cammino, esco, parlo con le persone coinvolte, che sono diventate mie amiche, donne, che mi raccontano la loro partenza all’alba. E qui subentrano prima di tutto il giornalista, che continuo ad essere, e poi questa nuova forma di denuncia del romanzo, che inesorabilmente parla di caporalato».

A dialogare con Caterina Emili sarà Paola Cirasino, referente del Presidio del Libro di Ostuni.Novità