Ostuni

Il turismo in Puglia continua a crescere.

I dati diffusi da Pugliapromozione confermano il trend positivo del periodo giugno/agosto 2019, misurato sulla trasmissione dei dati di un campione del 75% delle 7.000 strutture ricettive iscritte al database regionale.

L’incremento si deve soprattutto al cospicuo aumento dei turisti stranieri, mentre diminuisce il numero dei vacanzieri italiani. I dati diffusi da Pugliapromozione- che riguardano gli arrivi e le presenze nel periodo compreso tra giugno e agosto- raccontano di un aumento del 3,3% di arrivi (i turisti effettivi) e del 4,1% delle presenze (ovvero il numero dei pernottamenti).

I numeri di Pugliapromozione, nel dettaglio, ci dicono che in Puglia sono arrivati complessivamente 1,9 milioni di visitatori e parlano di una flessione del 5,1% dei turisti italiani, mentre si registra un autentico boom di arrivi di stranieri, pari al 7,9% di arrivi, con un +12,2% di presenze.

L’incremento di arrivi e presenze si distribuisce su tutto il territorio regionale. Crescono soprattutto la città di Bari e le località della costa barese, Taranto e la Valle d’Itria e le località turistiche dell’arco Ionico.

Tra i mercati esteri in maggior crescita si segnalano- nell’ordine- la Germania, il Belgio, l’Olanda, la Francia, la Bulgaria, la Russia, gli Usa, la Polonia e la Spagna; mentre tra i mercati extra europei figurano Australia e Brasile.

«Siamo soddisfatti e ottimisti»– commenta l’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone. «Prosegue la crescita ininterrotta del turismo pugliese, dopo gli ultimi anni con record di presenze e anche l’estate 2019 presenta dati più che positivi, in un panorama nazionale in cui alcune regioni mostrano invece anche cali consistenti proprio sul prodotto balneare. Vola il turismo internazionale: per l’estate l’incremento dall’estero è stimato al +8% per gli arrivi e +12% per le presenze con risultati estremamente positivi in termini di internazionalizzazione e di diversificazione dei mercati, i principali obiettivi della strategia della Regione.

Secondo i dati dell’Osservatorio regionale del turismo dal 2015 al 2018, gli arrivi e le presenze in regione sono aumentate del +18% e del +12%; la crescita dall’estero è stata del +43% e del +33%. Altri indicatori come lo sviluppo esponenziale del traffico di Aeroporti di Puglia, le attività di promozione in tutto il mondo, i riconoscimenti di Lonely Planet per Bari e del New York Times per la Puglia, non fanno che confermare le nostre stime positive».Novità