Minaccia di uccidersi con un coltello, tanto che per fermarlo i poliziotti sono stati costretti a usare il taser.

E ’accaduto ieri sera in una villetta situata lungo la litoranea nord di Brindisi, dove è stato chiesto aiuto alla Polizia per sedare una violenta lite familiare scoppiata perché un uomo voleva tagliarsi i polsi con un coltello da cucina. Fermato dalla madre, rimasta ferita dal coltello, l’uomo inizia a dare in escandenza e i vicini chiamano la Polizia.

Al loro arrivo, i poliziotti della Questura di Brindisi si sono trovati di fronte un uomo di 54 anni con gli abiti sporchi di sangue che, brandendo un coltello, minacciava la moglie, la mamma e alcuni vicini di casa, accorsi in aiuto.

L’uomo è la stessa persona che nella mattinata di ieri ha minacciato di togliersi la vita lanciandosi dal Monumento del Marinaio a Brindisi.

I poliziotti hanno tentato di imbastire un dialogo con l’uomo, che in stato di agitazione pronunciava frasi sconnesse. Ai ripetuti inviti dei poliziotti di fermarsi e di lasciare il coltello che aveva il mano, l’uomo ha continuato a dare in escandescenza e ad annunciare che si sarebbe tagliato le vene dei polsi. A quel punto gli agenti hanno dovuto utilizzare il taser, l’arma a impulso elettrico da qualche tempo in dotazione anche alla Polizia di Brindisi.

Colpito dalla scarica l’uomo è rimasto immobile, così i poliziotti hanno potuto prenderlo in custodia. Il cinquantaquattrene, da tutti considerato una persona tranquilla fino a ieri, è stato trasportato presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi dove si trova attualmente ricoverato nel reparto di Psichiatria. Adesso dovrà rispondere dei reati di lesioni pluriaggravate, violenze e resistenza a pubblico ufficiale aggravate.

L’uomo starebbe attraversando un periodo di fragilità perché fra pochi giorni scadrà il contratto di lavoro con la ditta presso la quale è impiegato come operaio metalmeccanico. Sarebbe stata proprio la paura della perdita del lavoro il motivo per cui il cinquantacinquenne è salito ieri sul Monumento del Marinaio, minacciando di buttarsi di sotto.Novità