Amara sconfitta ad Andria per l'Olympique Ostuni

La voglia di vincere dell’Olympique Ostuni s’infrange contro la determinazione a portare a casa il risultato della Florigel Futsal Andria che sconfigge i gialloblu 4-2.

Dopo una serie di sconfitte, l’Andria, contro ogni pronostico, risorge a discapito della squadra ostunese che soccombe in trasferta dopo una partita decisa, beffardamente, negli ultimi minuti di gioco.

A sbloccare il risultato, all’ottavo minuto del primo tempo, è l’Olympique, con Ferri che calcia da una posizione defilata e trova la deviazione che inganna il portiere della squadra avversaria.

L’Andria prova a rispondere con un pallonetto calciato da Calabrese, ma deviato in angolo da Bussunda, ma due minuti più tardi l’Olympique mette a segno il secondo angolo, targato ancora Ferri.

L’Andria, sotto di due reti, si gioca il tutto per tutto attaccando a 360 gradi. Al termine di un’azione rapida e precisa, Magno colpisce il palo, Calabrese manda di pochissimo a lato, Cristiani tutto solo spara addosso a Bussunda. Ma la palla sembra stregata e in porta non vuole entrare.

Nella ripresa cambia tutto. I gialloblu provano a incalzare provando a blindare il risultato, ma il portiere dell’Andria, Scarcelli, non permette più alla palla di entrare in rete. La svolta arriva al 13’ del secondo tempo, quando capitan De Feo fornisce l’assist a Rutigliani che, da fuori area, sorprende Bussunda infilando la palla nell’angolo in cui il portiere non poteva arrivare.

Dopo qualche minuto, al 17’, una perfetta combinazione De Feo-Calabrese, consente a quest’ultimo di mettere a segno il 2-2. La partita si decide negli ultimi minuti, quando Rutigliani, parte in attacco e riesce a far passare tra le gambe di Bussunda il gol del 3-2. A pochi secondi dalla fine è il capitano dell’Andria, De Feo, a segnare il quarto gol, a porta sguarnita.