Per la prima volta la Città bianca accoglie l’ormai famosa Camminata in Rosa della LILT – lega italiana per la lotta contro i tumori. Organizzata dalla delegazione LILT locale e patrocinata dal Comune di Ostuni, la manifestazione promuove la prevenzione per la lotta contro tutte le malattie oncologiche, soprattutto il cancro al seno, e resta uno tra gli eventi più apprezzati e partecipati dalla popolazione nazionale.

L’appuntamento per l’esercito rosa, composto da donne, uomini e bambini, pronto a marciare in nome della prevenzione medica, è per domenica 19 maggio, alle ore 9.30 in Piazza della Libertà. A partire dalle ore 10, il percorso previsto per i partecipanti, cui si chiede il versamento di cinque euro come quota di partecipazione, attraverserà corso Cavour, la Villa comunale, via Diaz, viale Pola, viale Aldo Moro, via Nino Sansone, via Giovanni XXIII, largo Bianchieri, Corso Umberto I, corso Vittorio Emanuele II, per poi concludersi alle ore 12 in Piazza della Libertà.

Fissato inizialmente per domenica 12 maggio, l’evento slitta di una settimana a causa delle avverse condizioni meteo.

 

«Questo evento costituisce un importante momento di condivisione e confronto con la comunità locale – commenta Grazia Ostuni, sub commissario della sezione LILT provinciale e fondatrice della delegazione ostunese – volto anche e soprattutto a comunicare i servizi che l’associazione offre alla cittadinanza.

Gli ambulatori in cui si effettuano esami specialistici per la prevenzione delle neoplasie, sono aperti a tutti i soci ogni giorno, escluso il sabato, come anche la sede LILT sita al civico 35 di via Fogazzaro, presidiata dalle volontarie ogni mattina dalle 10 alle 12 per raccogliere adesioni e fissare appuntamenti con i medici di riferimento.

Mi preme ricordare infine – conclude la dott.ssa Ostuni – che ottobre è il mese della prevenzione. Durante questi trenta giorni la LILT di Ostuni garantisce visite senologiche ed ecografie gratuite alle donne di ogni età».

Per la realizzazione della Camminata in Rosa, hanno contribuito: le sezioni locali di AVIS e Croce Rossa Italiana; l’associazione “amici del cuore”; la ProLoco – Ostuni “La Bianca tra gli Ulivi”; il NOAC di Ostuni; la sezione ERA di Brindisi con sede a Ostuni.Novità