Sono cinque le ditte che concorrono per aggiudicarsi i lavori di riqualificazione di Palazzo San Francesco, sede istituzionale del Comune di Ostuni.

A darne notizia una determinazione del settore Lavori Pubblici del Comune di Ostuni, a firma del dirigente Federico Ciraci, che reca la data del 5 marzo marzo scorso.

Continua quindi ad andare avanti quanto sancito dalla delibera di Giunta Comunale del 27 settembre 2017 che stabiliva di provvedere all’affidamento dei lavori di realizzazione delle “Opere di riqualificazione ingresso, facciata e strutture portanti del Palazzo di Città- 2° Stralcio”, per un importo complessivo di progetto pari a 225.000 euro.

«Il bando e disciplinare di gara- si legge nella determinazione- unitamente a tutti gli altri atti relativi alla procedura di gara in argomento, veniva pubblicato sul sistema piattaforma “TuttoGare” della società Studio Amica Soc. Coop, e con il criterio del minor prezzo- in data 28/12/2018, con scadenza per la presentazione delle offerte prevista per le ore 12:00 del 31/01/2018 e l’apertura delle stesse per il 04/02/2019. Scaduto il termine per la presentazione delle offerte sono risultati pervenuti ed acquisiti al sistema, complessivamente n. 38 plichi virtuali da parte degli operatori economici interessati ed in data 12/02/2019 sono state avviate dal seggio di gara le operazioni di controllo della documentazione amministrativa degli operatori economici, operazioni che sono proseguite e concluse in data 19/02/2019. A seguito della verifica della documentazione amministrativa di ciascun partecipante il seggio di gara ha ritenuto di attivare il soccorso istruttorio ai seguenti partecipanti: Antonio Picone; Di Gregorio Snc; Maroccia Costruzioni Srl; Leo Costruzione SpA; M.S.C. GENERALI S.R.L».

Gli interventi di riqualificazione in oggetto riguarderanno il recupero degli infissi in legno del primo piano; il ricollocamento in opera, previa recupero, della banderuola e il consolidamento della componente lapidea; il recupero del “Salone di Rappresentanza” mediante il recupero dei dipinti murari, la sostituzione della carta da parati, la sostituzione dell’impianto audio, la sostituzione e l’integrazione dell’impianto di illuminazione, la realizzazione di un impianto di climatizzazione, il recupero della ringhiera del balcone con l’inserimento di n. 3 “portabandiera” – Recupero delle coperture; il recupero dei locali ingresso di Palazzo di Città (centralino e locali messi comunali).