Trovato sotto le macerie il corpo senza vita di Simona Carpignano, morta nel crollo dei palazzi nel centro storico di Marsiglia

Appartiene a Simona Carpignano uno dei corpi trovati sotto le macerie dei due edifici crollati nel centro storico di Marsiglia, in Francia, crollati la mattina di lunedì 5 novembre.

Il filo sottile della speranza che la ragazza di Taranto fosse riuscita a sopravvivere in qualche modo, si è spezzato qualche minuto fa, quando il suo corpo è stato trovato e identificato nell’istituto di Medicina Legale dell’ospedale di Marsiglia dal papà di Simona, Domenico, che si era precipitato nella città francese, dopo la notizia del crollo dei due palazzi.

Simona Carpignano si era trasferita a Marsiglia da pochi mesi andando ad abitare proprio in uno dei palazzi di rue d’Aubagne, al numero 6. Laureatasi brillantemente in Lingue all’Università del Salento, Simona aveva abitato prima a Parigi, dove aveva conseguito un Master, e poi si era trasferita a Marsiglia.

Con Simona salgono a sei le vittime del crollo dei due edifici, che erano stati dichiarati inagibili perché vecchi e pericolanti. Due le persone che invece risultano ancora disperse.