Per sfuggire a un’ordinanza cautelare emessa nel 2012 nell’ambito dell’operazione denominata “Pantera”, che nel 2009 aveva sgominato un traffico di sostanze stupefacenti eseguendo una serie di arresti tra Ostuni e Cisternino, si era rifugiato in Germania.

Raffaele Turco, trentanovenne nato a Cisternino ma domiciliato a Ostuni, a Villlanova, è stato fermato a Brindisi due giorni fa, alle 3 di notte, nel corso di un controllo di routine dei Carabinieri in un quartiere periferico, mentre era in compagnia di un pregiudicato di Ostuni.

L’uomo era in possesso di una carta d’identità rilasciatagli dall’ufficio consolare italiano di Monaco di Baviera e nel corso della sua lunga latitanza avrebbe lavorato saltuariamente in Germania come panettiere e pizzaiolo.

Il trentanovenne, vistosi scoperto, non ha opposto resistenza e dopo le formalità di rito è stato condotto nella casa circondariale di Brindisi dove dovrà scontare, a distanza di sette anni, un’ordinanza di custodia cautelare per spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Novità