Martedì 13 agosto il Chiostro di Palazzo San Francesco a Ostuni ospiterà una serata dedicata a Pierangelo Colucci

Quattro anni fa, il 21 aprile del 2015, Ostuni e la musica perdevano prematuramente Pierangelo Colucci, uno dei più grandi tamburellisti che il mondo musicale abbia mai conosciuto.

Per ricordare questo artista sensibile e straordinario questa sera, martedì 13 agosto, il giorno in cui Pierangelo Colucci avrebbe compiuto 60 anni, verrà ricordato nel corso di una serata a lui dedicata, che si terrà nella ‘sua’ Ostuni, a partire dalle ore 20.30, nel Chiostro di Palazzo San Francesco.

L’omaggio a Pierangelo è stato fortemente voluto dai suoi amici di sempre, che si sono costituiti in un Comitato che ha l’obiettivo di tenere vivo il suo ricordo.

Pierangelo Colucci, nonostante si fosse laureato in giurisprudenza per accontentare suo padre notaio, che avrebbe voluto che il figlio seguisse le sue orme, aveva scelto di seguire la sua vocazione artistica, divenendo un musicista apprezzato e stimato in tutto il mondo.

Dopo aver affinato la sua arte prendendo lezioni dai più grandi percussionisti a livello mondiale, nel 1985 entra a far parte del gruppo musicale capeggiato da Eugenio Bennato, per poi collaborare con Peppe e Concetta Barra e prendere parte ai festival di musica etnica più prestigiosi in giro per il mondo.

E’ stato tra i fondatori di gruppi musicali di notevole spessore artistico quali “La Compagnia Mediterranea” e “Arakne mediterranea”. Nel 1992 insieme a Roberto Licci e Salvatore Cotardo costituisce il gruppo musicale Ghetonìa, con l’obiettivo di far rivivere le vecchie canzoni popolari di lingua greganica originarie del Salento. E se oggi la musica salentina è conosciuta in tutto il mondo è anche merito suo, che ha saputo esserne fieramente ambasciatore.

A rendere omaggio a Pierangelo Colucci, saranno nella serata a lui dedicata, grandi musicisti come Tonino Zurlo, Terrae, Faraualla, Arakne Mediterranea, con la partecipazione straordinaria di Gianluca Milanese, Francesco del Prete, Roberto Chiga e Cinzia Marseglia.

A presentare la serata sarà Anna Nacci, amica storica del tamburellista ostunese e membro del Comitato Amici di Pierangelo Colucci.

La serata dedicata a Pierangelo Colucci, nel corso della quale saranno proiettati diversi video che lo riguardano, rappresenterà inoltre un’occasione per raccogliere le firme di una petizione indirizzata al sindaco di Ostuni e all’amministrazione comunale, con la quale si chiede che la Casa della Musica, che riaprirà a breve i battenti, possa essere intitolata all’indimenticabile artista ostunese.Novità