8.9 C
Ostuni
Giugno 1 2020

Coronavirus: chiusi bar, ristoranti e negozi. Confesercenti chiede sgravi fiscali e sostegno economico

La sezione provinciale di Confesercenti chiede che, oltre alla sospensione del pagamento delle imposte locali, venga garantita la possibilità di accedere ad eventuali programmi nazionali di sostegno economico alle PMI commerciali

Restano chiuse da oggi le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità. Con il nuovo decreto del presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte, ufficializzato ieri sera con una conferenza stampa e in vigore da oggi, giovedì 12 marzo, si restringono ulteriormente le misure precauzionali finalizzate al contenimento del contagio da Coronavirus.

Restano aperti quindi supermercati e negozi di generi alimentari, farmacie e parafarmacie, edicole e tabaccai, purché venga rispettata la distanza minima di un metro tra i clienti al loro interno. Sospese inoltre le attività inerenti i servizi alla persona, come parrucchieri, barbieri ed estetisti e sospese le attività di ristorazione, fra cui bar e ristoranti, obbligati sino a ieri a chiudere entro le ore 18, mentre resta consentita la consegna a domicilio.

- Advertisement -

Aperti solo gli autogrill lungo la rete stradale e autostradale, bar e chioschi ristoro di stazioni ferroviarie, aeroportuali e degli ospedali. Garantiti anche i servizi bancari, finanziari, assicurativi, nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico e di trasformazione agroalimentare, comprese le filiere che forniscono beni e servizi.

Le nuove disposizioni, in vigore da oggi fino al 25 marzo prossimo, sono state accolte di buon grado dalla maggior parte dei commercianti, dalle associazioni di categoria e dalla popolazione. La Confesercenti della Provincia di Brindisi, infatti, proprio ieri sottoscriveva una richiesta di chiusura di tutte le attività commerciali non essenziali. Indirizzata al Prefetto Umberto Guidato e a tutti i sindaci dei comuni brindisini, l’istanza solleva una questione di non tralasciabile priorità: la sospensione di tutti i termini di pagamento di imposte e tasse locali. Considerando che iniziative analoghe sono state già adottate da altre amministrazioni pubbliche sia regionali che comunali, come su Bari e Fasano,  la Confesercenti provinciale chiede che la misura venga estesa a tutte le municipalità del territorio brindisino.

La sezione provinciale di Confesercenti, rimanendo a disposizione delle istituzioni per un confronto puntuale sulle esigenze della categoria, e considerando l’ingente danno economico provocato dal diffondersi dell’epidemia globale anche in provincia di Brindisi, chiede che oltre alla sospensione del pagamento delle imposte locali, venga garantita la possibilità di accedere ad eventuali programmi nazionali di sostegno economico alle PMI commerciali.

Ricevi tutte le ultime notizie

Prova il nuovo canale Telegram gratuito di Ostuni News

- Advertisment -

Parco delle Dune Costiere, in corso le trattative sulla presidenza

La presidenza del Parco delle Dune Costiere resta al momento un rebus ancora irrisolto. Nodi da sciogliere nelle trattative di domina, i reciproci veti...

Aeroporti di Puglia, via al nuovo collegamento Bari/Tirana mentre riparte Brindisi/Zurigo

Dal prossimo 13 giugno la Swiss International Air Lines riattiva su Brindisi il collegamento con Zurigo. In questa prima fase, il volo si articolerà...

Spiagge a misura di bambino: Ostuni conquista la sua nona Bandiera Verde

Dopo la ventiseiesima Bandiera Blu, la Città bianca conquista anche la sua nona Bandiera Verde. Le spiagge di Ostuni si confermano dunque a misura...

Coronavirus, contagi in costante calo: 4 positivi oggi in Puglia, nessuno in provincia di Brindisi

Il numero dei contagi da Coronavirus in Puglia, da giorni in netto calo, si attesta complessivamente a 4494. Di qualche minuto fa il bollettino giornaliero...

Emergenza Xylella, iniziato il monitoraggio 2020

L’emergenza Xylella continua a tenere in scacco il territorio pugliese e, in linea con quanto disposto dall’Unione europea e deliberato dalla Giunta regionale, ha...

Tipicità: il valore identitario del cibo

Molto spesso mi capita di parlare con i produttori locali, ma anche con turisti, di piatti o di prodotti tipici. Mi sono posto una domanda:...
- Advertisment -