Valentina Palmisano, deputata del Movimento 5 Stelle, torna ad occuparsi dell’attuale situazione in cui versa l’ospedale di Ostuni intervenendo ieri, martedì 30 aprile, alla Camera dei Deputati.

La deputata pentastellata, dopo aver presentato nei mesi scorsi un’interrogazione parlamentare indirizzata al ministro della Salute Giulia Grillo, torna ancora sull’argomento.

Stavolta l’onorevole Palmisano pone l’attenzione sul mancato ampliamento della nuova ala dell’Ospedale civile di Ostuni, in costruzione da quindici anni e non ancora completata.

«Porto all’attenzione di quest’aula- afferma la deputata ostunese– un argomento che mi sta molto a cuore e che ho già affrontato attraverso un’interrogazione che ho presentato al ministro della Salute. Riguarda il futuro dell’ospedale di Ostuni. Oggi mi voglio soffermare sulla situazione relativa ai lavori del suo ampliamento.

Il tutto ha inizio nel 2004 quando Regione Puglia e governo stipulano un accordo di programma che prevede l’ammodernamento e l’ ampliamento dell’ospedale mediante la costruzione di un nuovo edificio. Inizia quindi l’iter del progetto da parte della Asl che, ad oggi, dopo ben 15 anni, ancora non vede la luce. Si sono susseguite infatti varianti del progetto, fallimenti di ditte aggiudicatrici, assegnazioni e riassegnazioni di appalti. Questo è gravissimo.

La realizzazione della nuova ala è importantissimo, non solo per l’ammodernamento della struttura sanitaria ma anche per il necessario ampliamento dei posti letto. Soprattutto non costringerebbe i cittadini ad una vera e propria migrazione sanitaria verso altre strutture spesso lontane.

Continuerò a seguire– conclude Valentina Palmisano- e a monitorare la vicenda perché si giunga ad una soluzione celere e adeguata. Sempre al servizio dei cittadini».Novità