spot_imgspot_imgspot_img
8.9 C
Ostuni
Maggio 24 2024

“Ostuni, città che Legge”: siglato il Patto Locale per la Lettura

Il documento è stato sottoscritto a Palazzo di Città, alla presenza del primo cittadino, dell'assessore Palmisano e della direttrice della Biblioteca comunale

- Advertisement -

È stato sottoscritto a Ostuni martedì 22 maggio, presso Palazzo San Francesco, il Patto Locale per la Lettura, documento indispensabile al fine di poter usufruire al meglio dell’ambito titolo di “Città che Legge”.

Alla presenza del sindaco Gianfranco Coppola, dell’assessore Antonella Palmisano e della direttrice della Biblioteca comunale Francesca Garziano, tutti i soggetti coinvolti si sono riuniti per siglare il documento che sancisce una collaborazione avviata in realtà già da qualche tempo.

La città di Ostuni ha ottenuto nel 2017 il riconoscimento di “Città che Legge” dal Centro per il libro e la lettura, pertanto da quest’anno, grazie alla sottoscrizione del patto, il Comune potrà concorrere a pieno titolo ai bandi per il finanziamento di progetti destinati alla promozione della lettura, usufruendo della premialità riservata agli enti promotori del patto.

Chiamati a sottoscrivere il Patto Locale per la Lettura sono state scuole, librerie, associazioni e biblioteche che, nel corso dell’anno, sono stati impegnati in un percorso sinergico di promozione delle attività culturali. I firmatari, come si legge nel Patto, si impegnano, tutti indistintamente, “a supportare la rete territoriale per la promozione del libro e della lettura, in un’azione coordinata e collettiva orientata alla diffusione e valorizzazione della lettura come strumento di benessere individuale e sociale, raggiungendo il maggior numero di famiglie e coinvolgendo tutti i soggetti che a livello locale possono offrire il loro contributo per la crescita culturale, sociale e civile dei propri concittadini”.

La sottoscrizione costituisce per l’amministrazione una presa d’atto di quanto già da tempo intrapreso in termini di costituzione di una rete di professionalità a vario titolo coinvolte nella diffusione delle buone pratiche della lettura.

«Sono sempre più soddisfatto del fermento intellettuale che anima la Città bianca in generale e la Biblioteca comunale in particolare – dichiara Gianfranco Coppoladiventata negli ultimi tempi il luogo d’elezione per una nutrita serie di iniziative di grande rilievo culturale e sociale. Il merito è di chi lavora incessantemente affinché ciò avvenga, pertanto sento di dover porgere i miei sentiti ringraziamenti alla Direttrice Garziano, all’assessore Palmisano, al dirigente Quartulli e naturalmente a tutti coloro che contribuiscono a diffondere l’amore per la lettura. La sottoscrizione di questo patto, al di là di ogni questione di ordine pratico, rappresenta simbolicamente l’affiatamento che regna tra le istituzioni e le associazioni, valore aggiunto di qualsiasi progetto che inizia a prendere forma».

Ciascun firmatario del Patto Locale per la Lettura infatti, ha collaborato fattivamente alla realizzazione delle iniziative culturali sviluppatesi attorno alla Biblioteca Comunale, oggetto di una rinnovata gestione tesa a trasformare la stessa in un autentico presidio culturale di partecipazione e coesione sociale.

«La sottoscrizione del Patto Locale per la Lettura – aggiunge l’assessore Palmisanorappresenta un traguardo non solo per l’Amministrazione comunale, ma per tutti i professionisti che operano nella filiera del libro e che oggi entrano a far parte di una rete territoriale finalizzata a promuovere l’esperienza della lettura. Obiettivo comune è quello di raggiungere il maggior numero di famiglie attraverso la buona pratica della lettura, tesa a divenire un’abitudine sociale diffusa che operi a favore della crescita individuale e dell’arricchimento culturale del territorio».

A sottoscrivere il Patto: la Biblioteca Diocesana “R. Ferrigno”, il Circolo didattico “Pessina-Vitale”, il Circolo didattico “Giovanni XXIII”, la libreria “Bottega del Libro”, la Libreria “Edicolé Mondadori” di Ostuni, l’Istituto di Istruzione secondaria di secondo grado “Pepe-Calamo”, l’Istituto di Istruzione secondaria di secondo grado “Pantanelli-Monnet”, l’Istituto di Istruzione secondaria di primo grado “Barnaba-Bosco”, i Lettori Volontari Nati per Leggere (n. 2) e il Presìdio del Libro di Ostuni.

Ricevi tutte le ultime notizie

Prova il nuovo canale Telegram gratuito di Ostuni News

- Advertisment -
- Advertisment -spot_img