Farà tappa anche nella Città bianca “Io sono plastic free”, il tour ideato dal Movimento Cinque Stelle nazionale per ripulire mari e fiumi, incontrare i cittadini e parlare della legge “SalvAmare”. L’appuntamento, organizzato dagli attivisti di Ostuni, è per domenica 15 settembre alle ore 17 presso Lido Morelli, una tra le spiagge più belle e frequentate del litorale ostunese.

Promuovere la cittadinanza attiva e la sensibilizzazione ambientale è l’obiettivo dell’iniziativa per dire finalmente stop alla plastica. Fortemente voluto dai pentastellati ostunesi, l’evento prevede un’attività di raccolta e smaltimento di materiale plastico, pianificata in collaborazione con la locale delegazione della Capitaneria di Porto e con la Guardia Costiera di Brindisi.

In prima linea, l’onorevole ostunese Valentina Palmisano, che come tanti portavoce del Movimento Cinque Stelle dedicherà i prossimi weekend a questo importante progetto di educazione ambientale, per dibattere insieme ai cittadini in merito ai provvedimenti attuati nell’ultimo anno, come appunto la legge SalvAmare.

Interverranno, oltre all’onorevole Palmisano, i deputati del Movimento Cinque Stelle Rosalba De Giorgi, Giovanni Vianello e Patty L’Abbate; il consigliere comunale di Carovigno Salvatore Ancora.

Durante la passeggiata e la raccolta della plastica spiaggiata sul litorale, verranno approfondite anche alcune delicate dinamiche costiere che tengono in vita i nostri mari e i fragili equilibri che possono essere compromessi da comportamenti e scelte inadeguate, grazie alla presenza di Giuseppe Mastronuzzi, Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra e Geo-ambientali dell’Università di Bari.

Al rientro dalla passeggiata la fatica sarà premiata dal contributo di Francesca Di Giuseppe e Antonia De Pasquale, due giovani e talentuose musiciste, che accompagneranno con le loro performance musicali il più classico degli aperitivi pugliesi.

«L’intento è quello di voler vivere e prendersi cura del nostro mare tutto l’anno – dichiarano i pentastellati ostunesi – da settembre a giugno, daremo così il benvenuto all’autunno imminente con un concreto gesto di amore verso l’ambiente e con la promessa di occuparcene in maniera attenta e proficua in ogni livello istituzionale».

Novità