Confesercenti di Ostuni chiede un anno di proroga per l’adeguamento delle attività commerciali al nuovo Regolamento sull’occupazione del suolo pubblico per bar, pub e ristoranti, approvato lo scorso 9 aprile.

L’associazione di categoria rende noto di aver inviato una lettera a Rosa Maria Padovano, Commissario prefettizio del Comune di Ostuni, in cui si legge che il regolamento appena approvato «è divenuto nelle ultime ore fonte di grave preoccupazione da parte degli esercenti interessati non solo per quanto riguarda gli oneri economici ai quali dovranno sottoporsi (gli esercenti negli anni hanno già investito grosse somme di denaro) ma anche perché di tale regolamento, trasmesso alla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Lecce per il previsto nulla osta, non si conoscono, contrariamente alle necessità di chi fa impresa, i tempi della definitiva approvazione. I dehors per una cittadina a vocazione turistica quale Ostuni– continua la lettera di Confesercenti- rappresentano un servizio. Danno la possibilità di godere a pieno della città a turisti, cittadini e giovani. I dehors, infine, rappresentano posti di lavoro».

La lettera firmata dal responsabile della Confesercenti ostunese si conclude chiedendo al Commissario Padovano «di valutare la possibilità di concedere una proroga di un anno – salvo che nel frattempo non siano intervenute modifiche nella titolarità o negli arredi – per gli esercenti che devono adeguare le aree esterne al Regolamento comunale sui dehors».Novità