Giuseppe Bellanova in azione al PalaCeleste

Storie di straordinaria quotidianità sono sempre pronte a stravolgere vite e programmi, sogni nel cassetto e aspettative più o meno celate, custodite gelosamente nello scrigno delle personali emozioni, non aspettano altro che l’occasione giusta per avere campo. Indipendentemente dell’età, dai contesti abitati, da quanto si sta vivendo in uno specifico momento della propria esistenza, quando quel treno passa, bisogna raccogliere tutto il coraggio disponibile e farsi trovare in stazione con biglietto ben saldo tra le mani.

Giuseppe Bellanova, palleggiatore ostunese classe 2003 su quel treno ci è salito, per vestire la prestigiosa maglia del Modena. Il campo in questione è quello della pallavolo, e Giuseppe è solo l’ultimo gioiello in ordine di tempo lanciato dal laboratorio targato Pallavolo 2000 Ostuni.

L’estate appena trascorsa sarà ricordata a lungo dalla famiglia Bellanova, il provino per il Modena e la successiva fatidica chiamata avrà certamente movimentato gli ultimi mesi di mamma Maria e papà Piero, da sempre particolarmente legati a quel mondo pallavolistico che ha rapito tutta la famiglia. È proprio durante gli allenamenti di sua sorella Graziana che Giuseppe inizia a legarsi profondamente al volley, a partire dai primi palloni toccati anche solo per essere passati agli altri. Un gesto che, sarà un caso, ma è poi diventato il mantra del suo ruolo, quello del direttore d’orchestra in campo, il regista, l’addetto agli effetti speciali che, ad eccellenti doti tecniche ed atletiche, deve abbinare anche un’intelligenza fuori dal comune.

Gli anni al PalaCeleste sotto la guida man mano dei coach Andrea Nacci, Cosimo Macelletti, Roberto Bianchi e Giacomo Viva, hanno esaltato la crescita esponenziale del sedicenne ostunese, a partire dai campionati giovanili e fino a quelli di Serie D e C, con la C giocata da esordiente e protagonista fino ai playoff, appena un anno fa. La nuova vita modenese ha portato il giovane Bellanova a misurarsi con realtà completamente diverse, dai nuovi amici, al nuovo indirizzo di studio di amministrazione, finanza e marketing, e poi certo la pallavolo, filo conduttore della sua giovane esistenza con i campionati di Serie B, under 18 e Junior League da affrontare con una maglia prestigiosa.

Bellanova proverà perciò a ripercorrere le gesta del suo predecessore, Francesco “Ciccio” D’Amico, altrettanto giovane stella della pallavolo ostunese lontana da casa per brillare a Civitanova: confermato al terzo anno con la maglia della GoldenPlast, società in orbita Lube Volley Civitanova (squadra quest’ultima campione d’Italia e d’Europa), D’Amico con il settore giovanile della Lube ha raggiunto negli ultimi anni importanti successi nazionali e personali, come il titolo di migliore d’Italia nel suo ruolo , o come la convocazione nella nazionale italiana under 21, o ancora la vittoria in Junior League.

Ricevi tutte le ultime notizie

Prova il nuovo canale Telegram di Ostuni News