Anche nell’estate 2019 la Puglia si conferma una delle mete predilette dal turismo nazionale e internazionale.

Ad affermarlo i dati diffusi da Aeroporti di Puglia relativi al mese di luglio 2019, che hanno registrato ben 899.143 passeggeri in arrivo e in partenza dagli aeroporti di Bari e Brindisi, con un incremento del 10,8 per cento rispetto all’anno scorso.

Particolarmente positivo il traffico sulla linea internazionale che, con 404.688 passeggeri, registra un incremento del 22,35 per cento rispetto al 2018. Nel dettaglio i passeggeri di linea internazionale sono stati 305.468 per quanto riguarda l’aeroporto “Karol Wojtyla” di Bari (+22,75 per cento) e 99.220 (+21,15 per cento) nell’aeroporto di Brindisi.

«Stiamo giocando un campionato– ha affermato Tiziano Onesti, presidente di Aeroporti di Puglia, commentando i dati- guardando dritti alla meta e non dimenticando mai che siamo una squadra.È evidente che la ‘scommessa Brindisi’ è stata vincente. L’aeroporto del Salento, infatti, continua a crescere. Sono i numeri a confermarlo sia sul traffico nazionale che internazionale. Questa è la dimostrazione che quando si investe in termini di risorse e di progetti, i risultati non tardano ad arrivare».

Da gennaio a luglio 2019 tra Bari e Brindisi sono stati registrati 4.603.691 passeggeri, in arrivo e partenza, in crescita del +10,8 per cento rispetto al 2018. Ottimi risultati per la linea nazionale con 2.824.003 passeggeri (+5,93 per cento) e per la linea internazionale che, con 1.711,822 passeggeri, segna un +20,73 per cento rispetto ai primi sette mesi dello scorso anno.

Nei primi sette mesi dell’anno in corso, i passeggeri su Bari sono stati 3.095,771 (+12,55 per cento) e 1-507-920 (+7,39 per cento) quelli su Brindisi, 391.570 dei quali riferiti ai voli di linea internazionale (+22,46 per cento).

Ricevi tutte le ultime notizie

Prova il nuovo canale Telegram di Ostuni News