Si è chiusa con una festa in Piazza della Libertà, la proclamazione ufficiale di Guglielmo Cavallo. Il nuovo sindaco della Città bianca, dopo aver ricevuto l’investitura dal giudice Valerio Fracassi, presidente dell’Ufficio elettorale centrale nominato dal Tribunale di Brindisi per la verifica delle operazioni di voto, ha raggiunto i tanti ostunesi che lo aspettavano in piazza.

Guglielmo Cavallo, due volte vicesindaco della precedente amministrazione, ha indossato la fascia tricolore da primo cittadino alle 18 e trenta di ieri, mercoledì 12 giugno, tra gli applausi dei presenti. Su sua indicazione sono stati invitati a partecipare alla cerimonia tutti gli ex sindaci di Ostuni, tra i quali hanno preso parte il suo predecessore Gianfranco Coppola, Lorenzo Cirasino e Michele Zurlo.

Il breve cerimoniale di rito si è svolto alla presenza del Comandante della Polizia Locale Francesco Lutrino, accompagnato dal Capitano Caterina Semeraro e dal tenente Enzo Farina; del Comandante della Guardia Costiera – Delegazione di spiaggia di Villanova Giovanni Punzi; del vicario foraneo della diocesi Brindisi – Ostuni don. Giovanni Apollinare; dei dirigenti degli uffici comunali; di tutti i consiglieri eletti nella maggioranza, di tantissimi candidati ed ex amministratori.

In chiusura della cerimonia Guglielmo Cavallo, dopo aver ringraziato tutti i presenti, ha pubblicamente chiamato accanto a sé sua moglie e sua madre.

«Sempre al mio fianco durante la campagna elettorale – afferma Cavallo – ringrazio mia moglie Maria e mia madre, che oggi si può dire completa l’album dei sindaci. Dovete sapere infatti che è stata nipote di Francesco Tamburrini; figlia di Guglielmo Tamburrini; cognata di Mario Castiglioni, moglie di Stefano Cavallo e oggi infine madre del sottoscritto, tutti sindaci di Ostuni».

Dal palco allestito in Piazza della Libertà per animare la festa dedicata alla cittadinanza, Guglielmo Cavallo ha ringraziato ancora una volta i suoi elettori e presentato la squadra dei consiglieri comunali di maggioranza. L’ostunese Donato D’Amico, autore di una poesia in vernacolo dedicata a Cavallo, ha declamato i versi che hanno inaugurato la campagna elettorale, lasciando poi la scena ai membri della Joy Band, protagonisti dell’intrattenimento musicale.

«Abbiamo vinto per la credibilità del nostro programma e di chi lo propone – dichiara il neo sindaco Guglielmo Cavallo – persone che incarnano nella vita di tutti i giorni i valori di lealtà, umanità e condivisione. Hanno contribuito al mio successo persone provenienti dal mondo delle professioni e del volontariato, gente che ha fatto prevalere quel senso di città racchiuso nello slogan #insieme. La vera risorsa di Ostuni sono gli ostunesi, un concetto che è passato perché ognuno si è sentito protagonista della vita della città. Ci siamo fidiamo di tutti e gli ostunesi si sono fidati di noi.

Abbiamo vinto anche perché non abbiamo indossato una maglia diversa dalla nostra: crediamo nelle nostre idee, concentrate nella proposta politica seria presentata alla cittadinanza. Abbiamo fatto prevalere le ragioni del dialogo, del riconoscimento dell’altro, del valore di ciascuno, anche dell’avversario. Temi che hanno superato i toni di una politica urlata, fatta di insulti, offese, bugie, mistificazioni, accuse d’incompetenza e di promesse irrealizzabili. Portando avanti sempre la stessa proposta lineare e mai aggressiva, abbiamo misurato la campagna elettorale sulla nostra voglia di stare insieme, di essere amici e protagonisti. Al ballottaggio abbiamo vinto perché i cittadini si sono sentiti liberi di esprimersi e noi siamo da sempre convinti che la libertà sia un valore fondamentale da difendere e mai da condannare».Novità