Un uomo di 62 anni, Salvatore Intrepido, nato a Trepuzzi ma residente a Noci è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale aggravata e per aver commesso due rapine ai danni di una donna di nazionalità cinese.

L’arresto è scaturito dalle indagini condotte dal Commissariato di Polizia di Ostuni e coordinate dalla Procura della Repubblica, in seguito agli episodi di violenza commessi nel 2017, precisamente il 13 agosto e l’11 settembre, in un appartamento ubicato a Ostuni a pochi passi da Piazza della Libertà.

Secondo le accuse formulate da una donna di nazionalità cinese che nell’immobile della Città bianca, secondo quanto riportato nel comunicato ufficiale del Commissariato ostunese inviato alla stampa nella tarda mattinata di oggi- “era dedita all’attività di massaggiatrice”, il sessantaduenne la prima volta l’avrebbe picchiata e derubata della somma di 400 euro, mentre, nel secondo caso, l’avrebbe legata, imbavagliata e violentata e privata della somma di 150 euro.

In entrambi i casi l’uomo avrebbe agito a volto scoperto e grazie alle immagini delle telecamere di video sorveglianza presenti all’interno dell’abitazione, sarebbe stato individuato e riconosciuto dagli investigatori.

A distanza quasi due anni dai fatti, Intrepido sarebbe stato compiutamente identificato e d’intesa con il Gip del Tribunale di Brindisi, Maurizio Saso, raggiunto da un’ordinanza cautelare in carcere.

Ieri, nel corso dell’interrogatorio di garanzia nel carcere di Brindisi, il sessantaduenne avrebbe ammesso di aver compiuto soltanto la seconda rapina, quella avvenuta nel mese di settembre, afferamando di non essere lui l’autore di quella avvenuta nel mese di agosto del 2017.Novità