spot_imgspot_imgspot_img
8.9 C
Ostuni
Aprile 11 2024

Workshop internazionale per la cooperazione tra parchi ed aree protette dell’Adriatico Meridionale

Si è tenuto il 18 maggio 2023 a Ostuni, presso la Sala Conferenze dell’Hotel Monte Sarago, il workshop internazionale "Rafforzare la cooperazione tra parchi ed aree protette dell’Adriatico Meridionale". L’evento è stato organizzato dal Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere

- Advertisement -

Si è tenuto il 18 maggio 2023 a Ostuni, presso la Sala Conferenze dell’Hotel Monte Sarago, il workshop internazionale “Rafforzare la cooperazione tra parchi ed aree protette dell’Adriatico Meridionale”. L’evento è stato organizzato dal Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere nell’ambito delle attività di capitalizzazione del progetto europeo LASPEH “Low Adriatic Species and Habitats”, finanziato dal Programma Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro 2014/2020, e delle iniziative EUSAIR (Strategia UE per la Regione Adriatico e Ionica) 2022/2023.

Il workshop aveva l’obiettivo di rafforzare la cooperazione tra i parchi e le aree protette di Puglia, Molise, Albania e Montenegro per la protezione di habitat e specie prioritari come la tartaruga Caretta caretta e l’avifauna migratoria, offrendo un’occasione di approfondimento sulle tematiche legate alla salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità nell’area dell’Adriatico meridionale, attraverso la condivisione di esperienze e buone pratiche.
Dopo i saluti istituzionali da parte di Annarita Angelini (Presidente Parco Dune Costiere), Rocky Malatesta (Vicepresidente FEDERPARCHI), Angelo Pomes (Sindaco di Ostuni) e l’intervento di Mauro Novello (Coordinatore Segretariato Congiunto del Programma INTERREG IPA CBC Italia-Albania-Montenegro 2014/2020), il workshop si è articolato in quattro pannelli. Esperti del settore hanno condiviso approcci innovativi, strategie di gestione e buone pratiche adottate nei rispettivi paesi in materia di parchi ed aree protette nonché di salvaguardia di habitat e specie prioritari.

Il workshop ha previsto, inoltre, la firma di un protocollo d’intesa tra i parchi e le aree protette di Puglia e Molise. Tra i firmatari: il Parco Naturale Regionale Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo, la Riserva Naturale dello Stato/Area Marina Protetta di Torre Guaceto, il Parco Naturale Regionale Terra delle Gravine, il Parco Naturale Regionale Litorale di Ugento, la Riserva Naturale dei Laghi di Conversano e Gravina di Monsignore, l’Autorità Ambientale della Regione Molise, la Riserva Naturale Regionale “Palude La Vela”, l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo e le Riserve Naturali Regionali del Litorale Tarantino Orientale.

“Esiste un grande interesse per il tema della biodiversità, della salvaguardia e della tutela ambientale. C’è anche un forte desiderio che le progettualità come LASPEH siano finalizzate a creare una rete di collaborazione, a trasferire know-how e a stabilire e potenziare buone pratiche che possano essere messe a disposizione dei partner e delle regioni del sud Adriatico. In queste regioni, infatti, possiamo osservare caratteristiche paesaggistiche e una biodiversità comune” ha commentato Annarita Angelini, Presidente del Parco Dune Costiere.

“Una giornata davvero importante qui ad Ostuni. Albania, Montenegro, Puglia e Molise si incontrano per scambiare le proprie buone pratiche sul tema di tutela delle biodiversità. Non è soltanto un incontro di esperti e tecnici ma anche di governance, con Federparchi oggi presente per tracciare un nuovo percorso che non è solo quello legato alla questione della comparazione dei modelli, ma è quello legato ad uno sviluppo
assolutamente vocato alla tutela degli ambienti e al turismo sostenibile”, ha dichiarato Rocky Malatesta, Vicepresidente FEDERPARCHI.

“Guardando avanti, ma anche considerando la cooperazione sviluppata attraverso l’implementazione del progetto LASPEH, abbiamo di fronte a noi un nuovo compito: la capitalizzazione. Questo compito implica la diffusione e l’applicazione degli strumenti di conservazione sviluppati con LASPEH a ulteriori specie e habitat di rilevanza per i tre Paesi coinvolti” ha aggiunto Vladimir Martinović (Direttore Imprese Pubbliche per i Parchi Nazionali del Montenegro).

“Questa conferenza è stata estremamente significativa, poiché i paesi del sud Adriatico hanno avuto l’opportunità di condividere non solo i loro valori in merito alla biodiversità ma anche le problematiche. Nel mare Adriatico, le specie e gli habitat non conoscono confini nazionali, pertanto è fondamentale lavorare insieme per conservare, salvaguardare e ottenere risultati migliori” ha evidenziato Nexhip Hysolakoj, Direttore dell’Amministrazione Regionale delle Aree Protette (RAPA) Valona.

Sono intervenuti, tra gli altri, esperti e rappresentanti di: Agenzia Nazionale delle Aree Protette dell’Albania, Imprese Pubbliche per i Parchi Nazionali del Montenegro, Comune di Izola, EUSAIR Facility Point Slovenia TSG3/Pillar 3, Dipartimento per la protezione ambientale – Ministero del commercio estero e delle relazioni economiche della Bosnia Erzegovina, Amministrazione Regionale delle Aree Protette RAPA Valona, Marine Institute/Croazia, Università di Scutari “Luigj Gurakuqi”, Centro Fauna Manduria, e Società Ornitologica Albanese.

Il workshop, insieme alle attività di incoming del 17 maggio e del 19 maggio, ha favorito un’importante condivisione di conoscenze e la creazione di reti di collaborazione tra i partecipanti provenienti da diverse nazioni e istituzioni. Le discussioni hanno contribuito ad individuare strategie comuni per la tutela dell’ambiente marino e delle aree protette lungo la costa dell’Adriatico meridionale. Inoltre, sono stati evidenziati i benefici della cooperazione transfrontaliera e della sinergia tra le diverse aree protette, al fine di promuovere la conservazione della biodiversità e uno sviluppo sostenibile nella regione.

Ricevi tutte le ultime notizie

Prova il nuovo canale Telegram gratuito di Ostuni News

- Advertisment -
- Advertisment -spot_img